Il Sogno di Arlecchino

Published by

Il Sogno di Arlecchino

 

Descrizione
La storia ruota attorno alle vicende di Arlecchino, innamorato di Colombina,  incapace di dichiararsi alla bella servetta.  Il litigio viene bruscamente interrotto con l’arrivo di Dulcamara, Dottore Enciclopedico e Ciarlatano di professione, che vende ad Arlecchino un fantomatico elisir d’amore. L’elisir altro non è che vino della peggior specie e così il povero Arlecchino immagina di sposare la bella Colombina e vivere con lei felice e contento. Basta però una sonora bastonata, della perfida servetta, per farlo rinsavire e rendersi conto che “Tutto è Sogno”.
Il canovaccio di Commedia dell’Arte, liberamente tratto dalle raccolte del Pandolfi, ha come elemento caratterizzante la pantomima. Questa, in quanto mezzo espressivo che utilizza il movimento corporeo più che la parola, diventa uno strumento di comunicazione adatto a qualsiasi tipo di pubblico. La gestualità e l’espressività degli attori  sono gli strumenti principali di narrazione. Altra elemento fondamentale è l’interazione con gli spettatori che, come nella miglior tradizione del teatro di strada, vengono coinvolti come attori per aiutare i protagonisti a narrare la vicenda. Il lieto fine è assicurato, dopo lazzi, sonore bastonate e qualche trucco magico che sempre caratterizza il teatro di commedia.

 

Foto


Video

Commenti disabilitati su Il Sogno di Arlecchino

Comments are closed at this time.